LAGENTE #3: ‘’L’uomo nero ha i denti bianchi’’

Lagente-Valerio Friello-subcityTV
La gente 5-Valerio Friello-subcityTV
Dopo L’Agippone, la terza puntata de LAGENTE inizia con una filastrocca:
Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Se lo do alla Befana, se lo tiene una settimana. Se lo do all’uomo nero, se lo tiene un anno intero. Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do.

Ve la ricordate? A questo proposito vorrei ringraziare tutte le nostre mamme per averci terrorizzato con la filastrocca dell’uomo nero, che ci tiene un anno intero. Grazie di cuore! 20, 30, 40 anni fa in Italia di uomini neri ce ne erano veramente pochi, oggi ne sono molti di più. Arrivano qui con la speranza di una nuova vita, molti di loro erano dei professionisti nel loro paese, alcuni laureati ed altri semplicemente uomini e donne di buona volontà. Si ritrovano in Italia a svolgere lavori molto umili e spesso li troviamo per le strade a vendere braccialetti, orologi, occhiali da sole eccetera eccetera.

blackface-lagente-puntata 3

Blackface: un uomo bianco si pitturava la faccia di nero negli spettacoli teatrali.

Sono sempre stati segnalati per il colore nero della loro pelle, ma nessuno li ha mai additati per il bianco dei loro denti. Quel bianco avorio mi ha colpito, cambiando la mia percezione nei loro confronti e da oggi in poi quell’uomo nero che abitava i miei incubi da fanciullo lo chiamerò, l’uomo dai denti bianchi, bianchissimi! Ma qual è il segreto del loro sorriso smagliante e perché non ho mai incontrato un uomo dai denti bianchi nella sala di aspetto di un dentista? Io ho scoperto perché e forse anche voi li avrete visti masticare un legnetto, ebbene proprio quel legnetto è il segreto del loro sorriso. Quel bastoncino assume molti nomi in base alle varie culture che popolano il continente africano.

igiene-orale-dentifricio-lagente

L’igiene orale dell’Uomo Bianco

Spesso pensiamo che l’uomo dai denti bianchi venga dall’Africa e questo in parte è vero, ma spesso pensiamo che l’Africa sia complessa quanto la piatta cartina del mondo che avevamo appesa in classe. In realtà l’Africa è un territorio incredibilmente vasto e variegato con molte differenze, ridurre gli africani ad un unico e indistinto popolo con la pelle nera, sarebbe come dire che un norvegese e un italiano siano la stessa cosa solo perché hanno la pelle chiara e i denti giallicci.

Tornando al nostro bastoncino pulisci-denti, ho scoperto che ha dell’incredibile, molti studi riscontrano un forte abbattimento della placca grazie all’utilizzo di questo straordinario ed elementare strumento, roba da fare invidia alle multinazionali dei dentifrici. Ma perché nessuno ne parla? Perché si continua ad utilizzare lo spazzolino con dentifricio, molto spesso pieno di prodotti chimici dannosi alla nostra salute? E perché gli uomini dai denti bianchi non li vendono per le strade? A queste domande si può rispondere in maniera molto semplice. Qualsiasi multinazionale non pensa al bene dei propri clienti ma al proprio interesse economico, un bastoncino di una pianta africana sfuggirebbe al controllo commerciale perché nessuna formula chimica segreta può essere brevettata. Per quanto riguarda l’uomo dai denti bianchi, è stato trattato per molto tempo da “uomo nero” e giustamente custodisce il segreto in maniera gelosa. Sono andato con la mia telecamera sul lungomare di Pescara a parlare con la ‘’Gente’’ dai denti bianchi, per scoprire il loro segreto.

Vi abbraccio cari lettori e vi do appuntamento alla prossima puntata. Buona visione.

LAGENTE – Puntata 3 – “L’uomo nero dai denti bianchi”

(Visited 958 times, 1 visits today)

Di Valerio Friello

Valerio Friello, nato a ROMA nel 1985. Prende una laurea triennale in Letteratura Musica e Spettacolo, che utilizza per la sua prima rapina in banca. Eccitato dal successo, prende una laurea specialistica in Editoria e Scrittura con la quale fa quattro morti ammazzati. In questo periodo svolge una intensa attività da psiconauta, assaporando tutte le droghe in commercio. Dopo il master in sceneggiatura entra con successo al centro sperimentale di cinematografia, ma viene scartato per la sua mente instabile. Ora oltre a professare la religione del Sasso Bianco, è diventato un dis-abile videomaker, da poco si è accorto di amare molto LAGENTE.